Macchine&Motori

Bugatti W16 Mistral: una cabrio da 5 milioni di euro

Il nuovo roadster di Bugatti è molto più che un semplice sviluppo della Chiron e il suo nome si ispira alla libertà e alla velocità: W16 Mistral. Il Mistral, il maestrale, è un vento potente che soffia dalla valle del fiume Rodano, attraverso le città della Costa Azzurra, nel sud della Francia e nel Mediterraneo.

Costruita attorno ai 1.600 CV del motore W16, utilizzato per la prima volta nella Chiron Super Sport 300+, la Mistral offre prestazioni diverse da qualsiasi altra vettura aperta. La sua progettazione è completamente originale. La monoscocca esistente non è semplicemente tagliata sopra i montanti anteriori, per far posto al nuovo design open-top, ma è stata riprogettata e rimodellata per creare una silhouette più arrotondata senza compromettere le prestazioni.

Achim Anscheidt, Bugatti Design Director, ha dichiarato:

“Sappiamo che la W16 Mistral avrà sempre un significato nella storia di Bugatti, segnando forse l’ultima volta che il più grande propulsore automobilistico mai utilizzato viene impiegato in un’auto di produzione stradale. Come team di progettazione, abbiamo sentito un’enorme pressione per offrire uno stile che trasmettesse immediatamente questo momento storico, traendo ispirazione da alcuni dei roadster più belli della storia di Bugatti”.

Ispirata alla Bugatti Type 57 Roadster Grand Raid

La loro musa ispiratrice sarebbe la Bugatti Type 57 Roadster Grand Raid del 1934, un roadster sportivo ed elegante. Caratterizzato dai suoi doppi poggiatesta aerodinamici, che scorrono all’indietro nella carrozzeria, e da un parabrezza a forma di V ribassato, questo particolare Grand Raid è in mostra al Louwman Museum di Den Haag. Rifinito con una livrea bicolore nera e gialla, fornirebbe l’ispirazione perfetta per questo momento spartiacque nella storia di Bugatti.

La W16 Mistral debutta con colori ispirati alla Bugatti Type 57 Roadster Grand Raid: un nero caldo con sentori di marrone tartufo e sottili accenti gialli dappertutto. Non solo è un omaggio all’iconica carrozzeria, ma anche a Ettore Bugatti, che ha scelto la combinazione nera e gialla per molte delle sue auto personali, inclusa la sua Type 41 Royale.

La Mistral cattura l’essenza del parabrezza a forma di V del Grand Raid. Un parabrezza curvo che sembra avvolgere i montanti anteriori, fondendosi con i finestrini laterali e creando un effetto “visiera”. Il parabrezza stesso è curvo quanto basta per creare il design arrotondato della visiera, senza distorcere la vista del guidatore.

La linea superiore del parabrezza e dei finestrini laterali scorre volutamente attorno alle prese d’aria laterali. Questa linea rifluisce quindi sotto il vetro laterale spingendosi fino alla griglia a ferro di cavallo anteriore, creando un nuovo carattere tridimensionale per la Bugatti C-line introdotta su Chiron.

Bugatti W16 Mistral

Flussi d’aria calibrati

Per mantenere la sezione laterale della carrozzeria snella, ma anche per consentire un flusso d’aria ottimale al W16, le prese d’aria del radiatore dell’olio sui lati sono state deliberatamente separate dalle prese d’aria del motore, che ora si trovano sul tetto, appena dietro gli occupanti. Le due nuove prese d’aria del motore montate sul tetto sono un cenno alla Type 57 Roadster Grand Raid, così come alla prima Bugatti con tettuccio aperto dell’era moderna: la Veyron 16.4 Grand Sport.

Frank Heyl, vicedirettore del design di Bugatti, ha dichiarato:

“I fari stessi hanno una forma intricata, incorporando una firma a quattro luci che accenna sottilmente alle quattro ruote motrici e ai quattro turbocompressori del W16 Mistral. Ma la loro superficie tridimensionale funziona anche come un aiuto aerodinamico che convoglia l’aria attraverso la luce e fuori attraverso il passaruota per migliorare la resistenza aerodinamica. La griglia a ferro di cavallo più ampia consente di alimentare completamente il radiatore del motore ad alta temperatura esclusivamente da un’aspirazione, lasciando che le due prese laterali si concentrino solo sulla fornitura di aria agli intercooler.

Il fanale posteriore a X, nel frattempo, svolge la funzione di sfiato dei radiatori dell’olio laterali attraverso condotti che collegano lo spazio negativo triangolare tra le travi a X ai radiatori laterali. Pertanto, si crea una caduta di pressione tra le prese laterali e le uscite sul retro del W16 Mistral che aiuta a gestire il circuito di raffreddamento a media temperatura del potente W16 nel modo più efficace”.

Bugatti W16 Mistral: innovazioni ingegneristiche

I punti salienti del design funzionale non finiscono qui. Le nuove prese d’aria a induzione del pistone dietro i poggiatesta sono state sviluppate fin dall’inizio pensando a severi test di ribaltamento, quindi ciascuna è realizzata con una struttura in fibra di carbonio su misura in grado di sostenere l’intero peso dell’auto in caso di capovolgimento. Questo nuovo layout di aspirazione modula il timbro acustico della vettura, tra il basso e rimbombante rumore di aspirazione della cilindrata di 8 litri e il fischio della valvola di scarico dei quattro turbocompressori al sollevamento dell’acceleratore.

La W16 Mistral presenta importanti innovazioni ingegneristiche della casa francese. I materiali compositi avanzati di Bugatti sono abbinati alla stampa 3D in titanio e alluminio per garantire design, prestazioni e affidabilità. Un’analisi dettagliata della rigidità dinamica del W16 Mistral ha permesso agli ingegneri di sviluppare soluzioni leggere che avrebbero assicurato maneggevolezza e prestazioni ottimali nelle condizioni più estreme.

Bugatti W16 Mistral

Bugatti W16 Mistral: una potenza di 1.600 CV

Gli interni della W16 Mistral prendono l’esempio da Chiron, perfezionati per offrire un’esperienza lussuosa, ma anche sufficientemente funzionale da garantire che tutte le informazioni siano facilmente visibili fino a 420 km/h.

Sotto il gigantesco cofano ad apertura laterale della Royale c’era un ambizioso motore a otto cilindri in linea da 12,7 litri, come il mondo non aveva mai visto prima. E il motore del W16 Mistral è altrettanto ambizioso: l’unico propulsore W16 in uso automobilistico oggi.

Quando l’ultimo roadster di Bugatti, la Veyron 16.4 Grand Sport Vitesse ha stabilito un record mondiale di velocità di 408,84 km/h nel 2013, il suo quad-turbo W16 da 8,0 litri aveva 1.200 CV. La Mistral ha 1.600 CV, utilizzando lo stesso propulsore che ha spinto la Chiron Super Sport 300+ a una velocità record mondiale di 304,773 mph nel 2019.

Mate Rimac, CEO di Bugatti Rimac, ha dichiarato:

“L’unione di un formato roadster e del nostro propulsore W16 è la perfezione assoluta. Con il tetto rimosso e un paio di grandi prese d’aria direttamente dietro la testa che alimentano circa 70.000 litri d’aria attraverso il motore ogni minuto a pieno regime, guidare il W16 Mistral ti connette agli intricati meccanismi di questo rivoluzionario propulsore come nessun’altra Bugatti ad oggi.”

Saranno costruiti solo 99 esemplari del W16 Mistral, al prezzo di 5 milioni di euro netti. Le consegne inizieranno nel 2024, ma se avete intenzione di comprarla ho una brutta notizia da darvi. L’intera produzione è già esaurita.

Per maggiori informazioni visitate il sito web di Bugatti. Se vi interessano le supersportive cabrio, leggete anche il nostro precedente articolo sulla Maserati MC20 Cielo, o sulla splendida Ferrari Portofino.

Tags

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close
Close