EuropaIn EvidenzaViaggi

In viaggio tra Italia e Austria: dalla val Passiria alla valle Ötztal

Un passo di montagna è anche una promessa: di viaggi e scoperte, di scambi e commerci. I passi di montagna attraversano i confini e di tanto in tanto permettono anche un viaggio nel tempo, collegando il passato con il presente, mentre plasmano la storia di singole famiglie e intere regioni. Tutto questo e molto altro è rappresentato dalla Strada delle Alpi lungo i 2.509 metri del Timmelsjoch, il Passo Rombo, tra le valli Passiria e Ötztal, tra Alto Adige e Tirolo, al confine tra Italia e Austria. Un percorso alternativo alla monotona autostrada del Brennero per viaggiare tra

In viaggio tra Italia e Austria: l’unico valico dello spartiacque alpino, tra Resia e Brennero

Alban Scheiber frena alla curva successiva con la Porsche Taycan, traccia una linea elegante sul bordo interno della strada e accelera sul rettilineo in salita. Suo fratello gemello Attila siede rilassato sul sedile del passeggero, lasciando che il suo sguardo vaghi sui vasti campi di neve. Una pernice bianca – un tipo di selvaggina – osserva la scena. Niente disturba il silenzio del momento.

Ogni anno all’inizio dell’estate, la Strada alpina del Timmelsjoch si risveglia con un brusio di attività. A seconda della situazione della neve e del tempo, il passo alpino apre tra la metà e la fine di maggio. Prima che arrivi quel giorno, le macchine di grandi dimensioni passano tre o quattro settimane a tagliare strati su strati di neve, che ricoprono la strada. Può crescere fino a sei, otto o anche 10 metri di spessore in inverni particolarmente rigidi. La stagione dura solo circa cinque mesi; fino a ottobre, circa 100.000 auto e 80.000 motociclette attraversano qui le Alpi orientali.

I gemelli sono responsabili di questo passo, unico valico percorribile dello spartiacque alpino tra Resia e Brennero. La Strada alpina del Timmelsjoch – lunga 32 chilometri – appartiene a loro. Da Sölden, nella valle Ötztal, la moderna carreggiata si snoda attraverso circa 30 tornanti verso la cima del passo.

È vero che la strada sale relativamente dolcemente, ma chi non ha esperienza di guida in montagna troverà comunque una sfida. La strada è chiusa agli autobus e ai camion di grandi dimensioni. Dall’alto si ergono in lontananza le vette di 3.000 metri delle Alpi dello Stubai e le Dolomiti. Da Merano soffia un vento mite; il profumo della libertà e dei luoghi lontani è nell’aria.

L’amore per la strada e le auto veloci

Da generazioni la famiglia Scheiber è strettamente legata alla strada. Angelus Scheiber, il nonno dei gemelli, è considerato l’inventore del turismo moderno nella regione dell’Ötztal. La strada per il Timmelsjoch è stata una sua idea. La sua visione pionieristica: una mattinata sugli sci sui ghiacciai dell’Ötztal seguita da un pomeriggio di relax sotto le palme di Merano.

Fratelli di montagna: Attila (a sinistra) e Alban Scheiber

Suo figlio Alban, il padre dei gemelli, gareggiò nella prima cronoscalata del Passo Rombo nel 1962 con la sua Porsche 356 B. A quei tempi, la corsa contro il tempo si svolgeva ancora in parte su terra. I primi vincitori includevano giganti del motorsport come Hans Herrmann. Non è un caso che gli italiani lo abbiano soprannominato il Timmelsjoch, o “passo del tuono”. L’anziano Alban Scheiber andò avanti con i sogni di suo padre. Con la sua società di ascensori Hochgurgl, alla fine ha rilevato la quota del governo nella strada ed è diventato il proprietario di maggioranza.

Per Alban e Attila, l’amore per la strada e le auto veloci è nel sangue. “Abbiamo ricevuto il nostro primo motorino all’età di sei anni e a otto stavamo guidando le moto da cross su per la montagna”, ricorda Alban. Insieme, i fratelli hanno aperto la strada verso l’era moderna. “Qui, non si tratta di passare rapidamente da A a B”, sottolinea Attila. Chi ha fretta sceglie l’autostrada del Brennero oltre lo spartiacque alpino e potrebbe intravedere la natura e le città, se sono bloccati nel traffico.

Coloro che attraversano il Timmelsjoch, invece, godono dell’esperienza di viaggio di un’epoca passata e si consiglia di ritagliarsi il tempo necessario per ammirare con calma i panorami mozzafiato, le architetture e regalarsi momenti di riflessione.

In viaggio tra Italia e Austria: trenta tornanti

Il confine nazionale? Nient’altro che un vago ricordo quassù. Al posto delle barriere e degli uffici doganali, il confine tra Austria e Italia è segnato da due pali poco appariscenti e una targa nell’asfalto. Da qualche parte sopra la strada vi attende il nuovo spettacolare Museo del Passo: ancorato sul lato Ötztal, levita di ben 16 m verso l’esterno in direzione degli amici della Val Passiria. Il monolite si fonde con l’ambiente aspro come un masso irregolare. All’interno del museo più alto dell’Austria, le strutture in vetro dal pavimento al soffitto formano una grotta di ghiaccio artificiale. Le fotografie ricordano i travagli dei primi sforzi di costruzione di strade. Negli anni ’50 i primi 12 km furono posati a mano, una pietra alla volta.

Viaggio tra Italia e Austria
Il Museo del Passo, proteso verso l’Italia

L’architettura esuberante dell’edificio è anche manifestazione dell’ideale di Scheiber. Sebbene la Prima guerra mondiale possa aver separato il Tirolo e l’Alto Adige, nell’Europa moderna le regioni si stanno avvicinando sempre di più. “La strada del Timmelsjoch attraversa le frontiere e unisce le persone da oltre 50 anni”, afferma Alban.

Prima che arrivasse la strada

Gli anni di addestramento dei gemelli furono ugualmente sconfinati. Hanno studiato e lavorato in tutto il mondo, avventurandosi fino al Giappone e all’Australia. E hanno portato a casa le loro esperienze. Come il padre, sono anche gestori di impianti di risalita, scuole di sci e albergatori, e si prendono cura della strada, che è un’ancora di salvezza per le valli circostanti. Anzi, per l’intera regione.

Le famiglie locali ricordano ancora come erano le cose prima che arrivasse la strada e i mezzi di sussistenza che consentiva. I minatori dell’Ötztal erano intrappolati nel loro mondo, e nella breve stagione senza neve si guadagnavano da vivere nella terra aspra. I contrabbandieri esercitavano il loro commercio tra i pendii scoscesi. “Senza i visitatori, nella regione probabilmente non rimarrebbe quasi nessuno”, afferma Attila. Coloro che ricordano i vecchi tempi hanno una visione diversa del boom del turismo: vedono le auto come una benedizione.

Per mantenere il ritmo, i fratelli hanno continuato a investire ingenti somme. “Se hai intenzione di fare qualcosa, fallo bene”, è il modo in cui Alban descrive il loro approccio. Tra Hochgurgl e Moos, in Val Passiria, si possono ammirare sei straordinarie opere dell’architetto altoatesino Werner Tscholl. Gli edifici scultorei ospitano waypoint informativi che raccontano la storia della strada. I visitatori incontrano i contrabbandieri di un tempo e presunti alieni e scoprono miniere d’alta quota.

Viaggio tra Italia e Austria

In viaggio tra Italia e Austria: sulla cima della montagna

Dove un tempo sorgeva la vecchia stazione di pedaggio degli anni ’50, si trova il Top Mountain Crosspoint, costruito a 2.175 metri di altitudine. Un’ampia costruzione organica costruita in legno, pietra e acciaio, inclusa la stazione a valle della modernissima cabinovia Kirchenkar, che in inverno trasporta fino a 2.400 sciatori all’ora fino alla vetta. Il complesso è anche sede di un ampio ristorante soleggiato dal quale si può ammirare uno dei più bei panorami alpini. Una buona tappa per questo viaggio tra Italia e Austria.

Sia l’ascensore che il ristorante hanno superato l’inverno 2020/21. Il cuore del Top Mountain Crosspoint non è stato così fortunato: il 18 gennaio un incendio ha travolto il Top Mountain Motorcycle Museum, distruggendolo. Per decenni i fratelli hanno collezionato con passione e meticolosità moto rare e icone della storia dei veicoli. Il museo ospitava 330 motociclette che abbracciavano 100 anni: la storia contemporanea di A.J.S. a Zündapp, completata da tesori come una Porsche 911 Targa con finestrino morbido del 1967, la stessa annata dei fratelli stessi. Avevano grandi progetti. Era in corso un ampliamento. L’idea era di sperimentare le macchine in modo ancora più interattivo. Invece, tutti questi reperti insostituibili sono caduti in preda alle fiamme. Come se il Timmelsjoch cercasse ancora la tranquillità.

La strada del Timmelsjoch ha anche un proprio sito web con molte informazioni: dalla sua percorribilità al Museo del Passo.

Per cercare alloggi nei dintorni puoi utilizzare un motore come Booking.com.

Se ti piacciono gli itinerari montani, leggi anche il nostro articolo sull’itinerario di viaggio attraverso le Ande, in Patagonia.

Tags

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close
Close