Macchine&Motori

Skysphere concept: il futuro dell’auto, ovviamente elettrica, immaginato da Audi

Audi ha svelato il primo membro di una nuova famiglia di concept car, uno spettacolare roadster. Audi skysphere concept è il nome della cabriolet elettrica a due porte le cui linee portano direttamente al design Audi di domani. Con esso, il marchio illustra la sua visione per il segmento di lusso del futuro, in cui l’interno diventa uno spazio interattivo e il veicolo una piattaforma per esperienze accattivanti. Ciò è reso possibile grazie alla guida autonoma, a una riprogettazione rivoluzionaria degli interni e a un ecosistema digitale senza soluzione di continuità.

Tiene d’occhio automaticamente la strada e il traffico

Il concept Audi skysphere mostra come il marchio stia ridefinendo il lusso in futuro: non si tratta più solo di guidare. La concept car è stata progettata con il chiaro obiettivo di offrire ai suoi occupanti esperienze accattivanti e di livello mondiale.

Per offrire ai passeggeri la massima libertà, il concept Audi skysphere è stato progettato per due diverse esperienze di guida: un’esperienza da gran turismo e un’esperienza sportiva. Questo fa uso di un dettaglio tecnico spettacolare: il passo variabile.

Motori elettrici e un sofisticato meccanismo con componenti di carrozzeria e telaio che scorrono l’uno nell’altro consentono di variare di 250 millimetri il passo stesso e la lunghezza esterna della vettura. Allo stesso tempo, l’altezza da terra del veicolo viene regolata di 10 millimetri per migliorare il comfort e la dinamica di guida.

Con il semplice tocco di un pulsante, il guidatore può sfruttare la propria libertà e scegliere la propria esperienza di guida. Pilotare autonomamente la propria e-roadster lunga 4,94 metri in modalità “Sport” con un passo ridotto, mentre la ruota posteriore sterzante assicura che il veicolo rimanga estremamente agile nonostante le sue dimensioni. Oppure essere guidati in un GT da 5,19 metri nella modalità di guida autonoma “Grand Touring” mentre si godono il cielo e il paesaggio, il massimo spazio per le gambe e i servizi offerti da un ecosistema digitale perfettamente integrato.

In questa modalità, volante e pedali si spostano in un’area invisibile; la sensazione di spazio nella concept car apre regni di possibilità completamente nuovi per una decappottabile così sportiva. Nel frattempo, Audi skysphere tiene d’occhio automaticamente la strada e il traffico con il suo sistema di sensori e guida gli occupanti in sicurezza verso la loro destinazione.

Gestisce in modo indipendente il parcheggio e la ricarica.

La digitalizzazione e l’ecosistema aprono livelli di libertà e mondi di esperienza senza precedenti per i passeggeri del veicolo. Grazie ai servizi di Audi e alla capacità di integrare i servizi digitali, le possibilità sono quasi infinite. Inoltre, i passeggeri possono condividere la loro esperienza di viaggio con gli amici tramite i social media, con immagini degli interni e dell’area circostante. Il veicolo si occupa anche delle attività quotidiane che vanno oltre la corsa stessa. Ad esempio, il concept autonomo Audi skysphere raccoglie i passeggeri con informazioni sulla loro destinazione attuale e gestisce in modo indipendente il parcheggio e la ricarica.

Il concept Audi skysphere ha fatto il suo debutto pubblico il 13 agosto 2021, nell’ambito della Monterey Car Week, sui leggendari fairway del campo da golf di Pebble Beach. Questo perché la concept car è stata ideata e progettata presso l’Audi Design Studio di Malibu, a due passi dalla Pacific Coast Highway, la leggendaria strada costiera che collega i sobborghi di Los Angeles con il nord della California.

Il manager dello studio Gael Buzyn e il suo gruppo sono le menti creative dietro il progetto. Un leggendario modello classico della storia dell’azienda, il roadster Horch 853, è servito come ispirazione per il nuovo modello rivoluzionario. L’imponente cabriolet, anch’essa lunga circa 5,20 metri, non è stata solo la definizione del lusso moderno negli anni ’30, ma ha anche vinto il Concours d’Elegance di Pebble Beach nel 2009.

Un motore elettrico sull’asse posteriore

Ma l’ispirazione visiva del suo predecessore è limitata alle dimensioni e alle proporzioni tipiche della concept car con un abitacolo piuttosto compatto e una parte anteriore lunga. Uno sguardo sotto il cofano della Horch rivela un imponente motore otto cilindri in linea con una cilindrata di 5 litri. L’Audi skysphere, d’altra parte, ha principalmente componenti di azionamento elettrico tra l’asse anteriore e il parabrezza, come il caricabatterie e il convertitore DC/DC, oltre agli attuatori e ai componenti elettronici e meccanici per il passo adattivo. Dispone inoltre di un ampio bagagliaio riempito con due sacche da golf appositamente progettate per la concept car.

Un motore elettrico posizionato sull’asse posteriore motorizzato è responsabile della fornitura di potenza alle ruote dell’Audi skysphere. Un totale di 465 kilowatt di potenza e 750 Newton metri di coppia si divertono con il roadster, che pesa solo circa 1.800 chilogrammi. La distribuzione del peso di circa il 60 percento sull’asse posteriore elettrico si traduce in un’ampia trazione e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli quattro secondi.

I moduli batteria di Audi skysphere sono posizionati principalmente dietro l’abitacolo, una configurazione ideale per il baricentro e l’agilità del veicolo. Ulteriori moduli si trovano tra i sedili nel tunnel centrale degli interni – un’altra posizione scelta a favore della dinamica del veicolo. La capacità della batteria dovrebbe essere superiore a 80 kWh, offrendo all’auto un’autonomia di oltre 500 chilometri secondo lo standard WLTP, almeno nella modalità GT economica.

Ruote posteriori sterzanti e sospensioni pneumatiche adattive

Il veicolo è dotato di assali a doppio braccio oscillante nella parte anteriore e posteriore. I bracci trasversali superiore e inferiore sono forgiati o fusi in alluminio. Lo sterzo avviene tramite un sistema Steer-by-Wire che controlla sia le ruote anteriori che quelle posteriori.

Poiché il sistema non è collegato meccanicamente all’assale anteriore, il conducente può selezionare diversi rapporti di sterzata e impostazioni di sterzata, il tutto premendo un pulsante. Ciò consente di regolare lo sterzo da estremamente diretto a confortevole, ma anche da elevate forze autoallineanti a forze autoallineanti minime, ad esempio durante il parcheggio. Anche lo sterzo dell’asse posteriore e il passo adattivo contribuiscono al piccolo raggio di sterzata della vettura.

Una tecnologia del telaio Audi di lunga data assicura che le sospensioni offrano il necessario livello di versatilità: l’ultima fase evolutiva delle sospensioni pneumatiche adattive Audi è stata implementata nella concept car e presenta tre camere d’aria indipendenti per fornire una comoda sospensione di base. Le singole camere possono essere disattivate per una guida più sportiva con un’accelerazione rapida. Il risultato è che la curva caratteristica della molla diventa più progressiva, riducendo al minimo rollio e beccheggio. L’abbassamento della carrozzeria di 10 mm riduce la resistenza aerodinamica, particolarmente importante quando si percorrono lunghe distanze.

Le sospensioni attive di Audi skysphere giocano un ruolo chiave nella versatilità delle caratteristiche di manovrabilità della vettura. Quando si procede semplicemente per inerzia, le singole ruote vengono alzate o abbassate selettivamente per compensare irregolarità e ondulazioni del fondo stradale, il risultato di una simbiosi tra le previsioni digitali del sistema di navigazione e i sofisticati sistemi di controllo e attuazione del telaio attivo.

Montati su cerchi in lega da 23 pollici dal design aerodinamico, gli pneumatici 285/30 raggiungono un equilibrio tra l’idoneità ai viaggi a lunga distanza grazie alla minima resistenza al rotolamento e uno stile di guida sportivo e attivo con elevate accelerazioni longitudinali e laterali.

L’esterno: oltre 5 metri di auto, che però si accorcia, se serve

Quando si tratta della loro impronta: 5,23 metri di lunghezza contro 5,19; una larghezza di 1,85 contro 2,00 metri: è facile vedere la somiglianza tra la leggendaria Horch 853 decappottabile e l’Audi skysphere. Una notevole differenza, d’altra parte, si può trovare nella loro altezza: la leggendaria Horch, con il suo design iconico, torreggiava fino a 1,77 metri a seconda della forma del corpo, mentre la sua discendente autonoma, l’Audi skysphere, si abbassa sulla strada in modalità Sport a 1,23 metri di piatto, con baricentro e aerodinamica ottimizzati.

In fondo, a parte le dimensioni, sono le linee che fanno davvero la differenza. Con i suoi ampi passaruota curvi e svasati tipici del marchio, lo skysphere enfatizza l’ampia carreggiata. Viste di lato, le proporzioni sono impressionanti con un cofano lungo e – soprattutto nella parte anteriore – uno sbalzo corto. Le superfici dei passaruota e del cofano anteriore sono organicamente curve.

La parte anteriore, sebbene non serva più come griglia del radiatore, presenta chiaramente il tipico single frame del marchio e l’emblema illuminato dal design tridimensionale con i quattro anelli. L’intero Singleframe e anche le superfici adiacenti sui lati sono progettate con elementi a LED bianchi per fungere letteralmente da palcoscenico per effetti visivi – sia effetti funzionali che sequenze di benvenuto in movimento quando il veicolo è spento e chiuso.

Se il passo viene modificato, i LED nella parte anteriore e posteriore mostrano una sequenza dinamica appositamente composta.

Anche la parte posteriore è dominata da una superficie a LED a controllo digitale che si estende su tutta la larghezza del veicolo. Innumerevoli LED rossi sono sparsi come rubini sulla superficie posteriore verticale. I riflessi creano effetti di luce e ombre dinamici quando le unità di illuminazione vengono accese e spente.

Cambiando il passo e quindi la modalità di funzionamento da GT a Sport, cambia anche la firma luminosa e trasmette una chiara indicazione del carattere mutato del concept Audi skysphere, in particolare nell’area intorno al single frame.

Gli interni: due esperienze di viaggio

Quando si tratta delle tre concept car in arrivo Audi skysphere, Audi grandsphere e Audi urbansphere, il marchio pone al centro della propria essenza lo spazio che circonda i passeggeri: la “sfera”. Questo perché tutti e tre i veicoli sono progettati per la guida autonoma di livello 4, il che significa che in determinate situazioni stradali e di traffico definite, il conducente può delegare la completa responsabilità all’auto e non deve più intervenire.

Di conseguenza, elementi di comando come volante e pedali possono essere ruotati in una posizione invisibile e quindi completamente rimossi dall’interno. E i passeggeri, compreso quello sul sedile anteriore sinistro, possono godere di una nuova forma di libertà: la libertà di rilassarsi all’aria aperta, godersi il paesaggio e il vento, oppure interagire con Internet e il mondo grazie al collegamento con l’ecosistema digitale.

Privo di controlli, l’interno appare come un ambiente luminoso e spazioso, ispirato in molte aree all’universo Art Déco. I comodi sedili vantano l’eleganza visiva degli arredi di design, ma svolgono le funzioni di un seggiolino auto in modalità di guida senza compromessi: il supporto laterale e le caratteristiche di sicurezza fanno parte del pacchetto. Sono rivestiti in tessuto in microfibra prodotto in modo sostenibile e, grazie alla loro posizione variabile all’interno, offrono il tipo di libertà di movimento e spazio per le gambe che altrimenti si può provare solo quando si vola in prima classe su un aereo.

Se il concept Audi skysphere viene utilizzato in modalità di guida, l’interno si trasforma in una cabina di guida ergonomicamente perfetta. Insieme al telaio e alla carrozzeria, anche il cruscotto e il pannello del monitor sulla console centrale si spostano nella parte posteriore. Il guidatore trova tutti i comandi, compreso volante e pedaliera, nella posizione che più gli si addice.

Le grandi superfici dei monitor touch – larghe 1415 mm, alte 180 mm – sul cruscotto e nella parte superiore della console centrale sono utilizzate per azionare il veicolo e i sistemi di infotainment. In modalità Grand Touring, può essere utilizzato per visualizzare contenuti da Internet, videoconferenze o film in streaming.

Un sistema audio di alta qualità, degno di questa decappottabile di lusso, offre una qualità audio da sala da concerto anche quando il veicolo è in movimento. Gli altoparlanti sono nascosti dietro i pannelli delle porte; alcuni in più nella parete interna posteriore producono persino un suono surround. La forma dei poggiatesta evita turbolenze e anche fastidiosi rumori del vento.

Tags

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close
Close