Macchine&Motori

BMW iX5 Hydrogen: anche il marchio bavarese crede nell’idrogeno

Già molti anni fa BMW aveva sviluppato una serie limitata di modelli a idrogeno che avevano iniziato a girare in alcune località della Germania, come nell’aeroporto di Monaco. L’entusiasmo per l’idrogeno si era poi spento, ma negli ultimi anni sembra riprendere vigore. Forse si percepiscono i limiti delle auto elettriche pure?

Ecco così che BMW sta sviluppando una tecnologia a celle a combustibile a idrogeno come opzione aggiuntiva all’auto elettrica classica. Due anni dopo aver svelato la concept car BMW i Hydrogen NEXT, l’azienda ha presentato all’IAA Mobility 2021 di Monaco la BMW iX5 Hydrogen, attualmente ancora in fase di sviluppo.

Una piccola serie della BMW iX5 Hydrogen, sviluppata sulla base della BMW X5, sarà utilizzata a scopo dimostrativo e di test dalla fine del prossimo anno. Il suo sistema di celle a combustibile a idrogeno è una prova dell’interesse del gruppo in questo settore.

“Con la sua cella a combustibile ad alte prestazioni e la batteria di alimentazione ottimizzata, il sistema di guida della BMW iX5 Hydrogen è unico al mondo”,

ha affermato Juergen Guldner, capo del BMW Group Hydrogen Fuel Cell Technology and Vehicle Projects.

Percorrere lunghe distanze

Con le giuste condizioni, la tecnologia delle celle a combustibile a idrogeno ha il potenziale per diventare un ulteriore pilastro nel portafoglio di trasmissioni di BMW per la mobilità locale a zero emissioni, andando ad affiancare modelli elettrici a batteria come la i3, la iX3, la iX e la i4.

A condizione che l’idrogeno venga prodotto utilizzando energia rinnovabile, e siano disponibili le infrastrutture necessarie, questa tecnologia può soddisfare le esigenze dei clienti che non hanno un proprio accesso all’infrastruttura di ricarica elettrica, spesso percorrere lunghe distanze o desiderare un alto grado di flessibilità.

La BMW iX5 Hydrogen è un moderno Sports Activity Vehicle (SAV). Il bordo interno del doppio rene BMW, gli inserti nelle ruote aerodinamiche da 22 pollici e gli attacchi nella parte esterna della grembialatura posteriore sono tutti in BMW i Blue.

Anche gli inserti in rete che coprono le aperture per l’aria di raffreddamento nella parte anteriore della BMW iX5 Hydrogen, così come la grembialatura posteriore e il suo elemento diffusore, hanno il loro design particolare.

Le griglie che coprono il doppio rene BMW, le prese d’aria inferiori e due esterne e gli elementi della carrozzeria per il rivestimento della parte posteriore inferiore provengono tutti dall’Additive Manufacturing Campus del BMW Group, che utilizza la stampa 3D per produrre prototipi e parti standard. La produzione additiva consente una produzione rapida e altamente flessibile di componenti, alcuni dei quali hanno forme geometriche che non possono essere realizzate con i metodi di produzione convenzionali.

Pneumatici prodotti in modo sostenibile

Le ruote aerodinamiche della BMW iX5 Hydrogen sono dotate di pneumatici prodotti in modo sostenibile in gomma naturale e rayon. Le materie prime per questo vengono estratte in conformità con gli standard dell’organizzazione indipendente Forest Stewardship Council (FSC). Il BMW Group è il primo produttore automobilistico al mondo ad utilizzare pneumatici Pirelli realizzati esclusivamente con gomma naturale certificata e il materiale a base di legno rayon nei suoi veicoli di produzione.

La BMW iX5 Hydrogen combina la tecnologia delle celle a combustibile con un BMW eDrive di quinta generazione. Il sistema di azionamento utilizza l’idrogeno come combustibile, convertendolo in elettricità in una cella a combustibile, fornendo una potenza elettrica fino a 125 kW/170 CV, con vapore acqueo come unica emissione. Questa potenza di azionamento consente inoltre di mantenere velocità costantemente elevate su lunghe distanze. Il motore elettrico è stato sviluppato dalla tecnologia BMW eDrive di quinta generazione utilizzata anche nella BMW iX.

Nelle fasi di inerzia e frenata, funge da generatore, alimentando l’energia in una batteria di alimentazione. L’energia immagazzinata in questa batteria viene utilizzata anche per manovre di guida particolarmente sportive, fornendo una potenza del sistema di 275 kW/374 CV.

L’idrogeno necessario per alimentare la cella a combustibile è immagazzinato in due serbatoi da 700 bar realizzati in plastica rinforzata con fibra di carbonio, che insieme contengono quasi sei chilogrammi di idrogeno.

“Il riempimento dei serbatoi di idrogeno richiede solo tre o quattro minuti, quindi non ci sono limiti all’utilizzo della BMW iX5 Hydrogen per lunghe distanze, con solo poche, brevi soste intermedie”,

spiega Guldner.

Un’ulteriore opzione tecnologica

Secondo un rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), l’idrogeno offre un potenziale considerevole come futura fonte di energia, in connessione con le attività di transizione energetica globale. Grazie alle sue capacità di stoccaggio e trasporto, l’idrogeno può essere utilizzato per un’ampia varietà di applicazioni. La maggior parte dei paesi industrializzati sta quindi adottando strategie per l’idrogeno e supportandole con roadmap e progetti concreti. Nel settore dei trasporti, l’idrogeno può diventare un’ulteriore opzione tecnologica, insieme alla mobilità elettrica a batteria, per dare forma alla mobilità individuale sostenibile a lungo termine. Tuttavia, ciò dipenderà dalla produzione competitiva di quantità sufficienti di idrogeno da energia verde, nonché dall’espansione della corrispondente infrastruttura di riempimento, che è già intensamente perseguita in molti paesi.

D’altra parte, costruire una rete di distributori per l’idrogeno è certamente più complesso e costoso rispetto all’allestimento di una rete di colonnine di ricarica.

Il BMW Group accoglie e sostiene le attività per promuovere l’innovazione in Germania e in Europa che aiuteranno a costruire un’economia dell’idrogeno e ad accelerare la produzione di idrogeno verde. Questi includono in particolare i progetti sull’idrogeno su larga scala classificati come Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo. I progetti che compongono questa iniziativa dell’Unione Europea, sostenuta in Germania dal Ministero Federale dell’Economia e dal Ministero Federale dei Trasporti, abbracciano l’intera catena del valore, dalla produzione di idrogeno al trasporto fino alle applicazioni nell’industria.

Tags

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close
Close