Macchine&Motori

Porsche celebra il 25° compleanno della famiglia roadster con un modello anniversario

L’edizione è limitata a 1.250 unità in tutto il mondo ed è basata sul modello GTS 4.0, alimentato da un motore boxer a sei cilindri da 4,0 litri con una potenza di 400 CV. La prima concept car Boxster è stata presentata al Salone di Detroit del 1993, mentre la versione di produzione è stata lanciata nel 1996.

Una delle caratteristiche del modello speciale è il colore Neodyme reinterpretato, un marrone scintillante simile al rame.

Porsche offre la Boxster 25 anni in GT Silver Metallic, sebbene siano disponibili anche Deep Black Metallic e Carrara White Metallic. Un altro elemento caratteristico si trova sul tappo del serbatoio, che è arricchito dalla scritta Porsche. Questo brilla in un look in alluminio così come i terminali di scarico lucidi dell’impianto di scarico sportivo mentre la cornice del parabrezza è rifinita in nero a contrasto.

Una velocità massima di 293 km/h

In linea con lo stile dell’originale storico, il modello speciale combina interni in pelle bordeaux con una capote in tessuto rosso. La capote porta la scritta Boxster 25 in rilievo. Entrambi sono disponibili anche in nero. Un pacchetto interni in alluminio, sedili sportivi regolabili elettricamente a 14 regolazioni, listelli sottoporta con scritta “Boxster 25” e il volante sportivo in pelle multifunzione GT riscaldato sono solo alcune delle caratteristiche del nuovo modello.

Il motore flat-six da 4,0 litri della 718 Boxster GTS 4.0 viene utilizzato anche come variante più potente nella 718 Spyder. Porsche offre la Boxster 25 anni con un cambio manuale a sei marce e un cambio a doppia frizione Porsche a sette marce (PDK).

Il modello in edizione speciale raggiunge una velocità massima di 293 km/h e, in combinazione con il cambio PDK e il pacchetto Sport Chrono di serie, accelera da zero a 100 km/h in quattro secondi.

Altre caratteristiche standard includono le sospensioni sportive Porsche Active Suspension Management (PASM), più basse di 10 millimetri, e Porsche Torque Vectoring (PTV) con differenziale meccanico a slittamento limitato.

La Boxster ha un significato molto speciale per Porsche in quanto ha segnato un riorientamento della strategia del produttore e ha fornito una via da seguire durante il difficile periodo economico della metà degli anni ’90. Ciò si rifletteva nel primo motore flat-six raffreddato ad acqua. Questo concetto è stato incorporato nella generazione 996 della 911, lanciata un anno dopo.

Il motore flat-six installato centralmente

L’aspetto visivo della concept car Boxster mostrata a Detroit evocava le immagini della 550 Spyder e della 718 RS 60 Spyder da corsa. Fu accolto così bene nel gennaio 1993 che il comitato esecutivo Porsche intervenne nello sviluppo del design del modello di produzione ordinando di produrre la vettura seguendo le linee della concept car.

Quando il modello di produzione fu lanciato nell’agosto 1996, aveva una forte somiglianza con concept car. Poiché condivideva il suo frontale con la generazione 996 911, non c’erano dubbi sulla sua discendenza. Allo stesso tempo, il suo motore flat-six installato centralmente, che inizialmente aveva una cilindrata di 2,5 litri e una potenza di 204 CV, è stato progettato per soddisfare standard di emissioni più severi grazie al raffreddamento ad acqua e tecnologia a quattro valvole.

Subito dopo sono seguiti un aumento della potenza e ulteriori miglioramenti del modello. La prima generazione di Boxster 986 ha ricevuto un motore da 2,7 litri nel 1999, inizialmente con 220 CV e successivamente con 228 CV. La Boxster S appena lanciata era alimentata da un motore a sei cilindri da 3,2 litri con 252 CV, che presto divenne da 260 CV.

La generazione 987 seguì nel 2004 con cerchi da 17 pollici e interni ridisegnati, nonché PASM opzionale con caratteristiche di ammortizzatori variabili, freni ceramici PCCB (Porsche Ceramic Composite Brake) e il pacchetto Sport Chrono. A cilindrata invariata, i motori erogavano rispettivamente 240 CV e 280 CV. Alla fine del loro periodo di produzione, le uscite del motore avevano raggiunto 255 CV da una cilindrata di 2,9 litri e 310 CV da una cilindrata di 3,4 litri. Il cambio PDK ha sostituito il cambio automatico Tiptronic S.

La nuova edizione di Boxster Spyder

Grazie a un corpo leggero completamente nuovo e un telaio rinnovato, il nuovo arrivato completamente ridisegnato e visivamente affilato era più tonico, più muscoloso. Il tetto in tessuto, completamente elettrico, ha fatto a meno di un coperchio del vano superiore convertibile, gli sbalzi degli assi erano ancora più corti e il parabrezza è stato spostato più avanti. I motori boxer più economici erano dotati di iniezione diretta a benzina e sono iniziati come un motore a sei cilindri da 2,7 litri con 265 CV e un motore da 3,4 litri con 315 CV. Nell’aprile 2014 è seguita la Boxster GTS con 330 CV. La Boxster Spyder è stata senza dubbio il momento clou, con un motore 3,8 litri da 375 CV.

L’attuale generazione della 982 Porsche 718 Boxster ha stabilito un nuovo corso nel gennaio 2016, facendo il suo debutto con motori turbo a quattro cilindri e un design migliorato. Il motore da 2,0 litri eroga 300 CV e il motore boxer da 2,5 litri 350 CV grazie a un turbocompressore con geometria variabile della turbina. La Boxster GTS seguì poco dopo con 365 CV. A metà del 2019, la nuova edizione di Boxster Spyder è salita al top di gamma. Condivide un motore da 4,0 litri da 420 CV con il modello di punta sportiva hard-top, la 718 Cayman GT4. Dal 2020, questo motore centrale a sei cilindri alimenta anche la 718 Boxster GTS 4.0 da 400 CV.

Tags

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close
Close