Macchine&Motori

La prima volta di Seat: la nuova Leon in versione ibrida Plug-in

La SEAT Leon continua il suo percorso di sviluppo, proponendosi con un sistema ibrido plug-in: il primo modello di questo tipo del marchio spagnolo.

Gli elementi costitutivi della SEAT Leon e-HYBRID derivano dall’architettura MQB Evo che è alla base del veicolo e crea un percorso per lo sviluppo del veicolo compatto.

SEAT ha sfruttato la tecnologia di propulsione più avanzata disponibile, integrando un ibrido plug-in in modo che SEAT Leon possa offrire i massimi livelli di prestazioni bilanciati con la necessità di ridurre le emissioni e l’impatto sull’ambiente.

“La combinazione di tecnologie di combustione ed elettriche fornisce il miglior mix di dinamismo ed efficienza, aiutando a spostare il marchio verso un futuro più attento all’ambiente.

Unendo la tecnologia più avanzata del motore e della batteria, la SEAT Leon è in grado di trascorrere più tempo in modalità esclusivamente elettrica, massimizzando i suoi vantaggi, sfruttando al contempo la potenza motrice tradizionale quando necessario.”

ha affermato il Dr. Werner Tietz, vicepresidente esecutivo per la ricerca e lo sviluppo di SEAT.

L’avanzato ibrido plug-in abbina un motore a benzina TSI da 1,4 litri da 150 CV (110 kW) con un motore elettrico da 115 CV (85 kW) e un pacco batterie agli ioni di litio da 13 kWh, per produrre una potenza complessiva di 204 CV (150 kW) e 350 Nm di coppia.

L’unità TSI da 1,4 litri utilizza il turbocompressore e la tecnologia di iniezione diretta per massimizzare le prestazioni e l’efficienza, mentre l’alesaggio e la corsa di 74,5 e 80,0 rispettivamente e il rapporto di compressione di 10,0 aiutano il funzionamento regolare dell’unità. Il motore a combustione è stato configurato specificamente per funzionare perfettamente all’interno della configurazione ibrida plug-in.

Il sistema elettrico

Collegato al motore elettrico senza spazzole, il sistema può passare istantaneamente tra le diverse modalità di guida, indipendentemente dal fatto che la Leon sia alimentata esclusivamente dal motore a combustione, una miscela di combustione ed energia elettrica o solo dall’elettricità.

L’erogazione di potenza è fluida indipendentemente dalla modalità in cui si trova il veicolo. L’erogazione di potenza in modalità esclusivamente elettrica avviene istantaneamente.

La versione ibrida plug-in fornisce un’autonomia completamente elettrica fino a 64 km in WLTP (72 km in NEDC) utilizzando l’energia immagazzinata nella batteria del veicolo, perfetta per una maggiore efficienza o per viaggiare per le strade cittadine dove le normative sulla qualità dell’aria sono più severe – e può essere utilizzato a velocità fino a 140 km/h. Quando c’è la necessità di guidare per lunghe distanze, la SEAT Leon e-HYBRID offre la possibilità di utilizzare sia motori elettrici che a benzina, in modo da raggiungere circa 800 km di autonomia.

Il conducente mantiene il controllo sul sistema e può scegliere di mantenere lo stato di carica della batteria, risparmiandola per situazioni in cui è richiesta una guida a zero emissioni. Quando la batteria si sta scaricando, il gruppo propulsore torna alla modalità ibrida. La batteria può essere ricaricata in appena 3 ore e 40 minuti utilizzando un caricabatterie da 3,6 kW (Wallbox) o in poco meno di 6 ore con un caricabatterie da 2,3 kW.

Le emissioni di carbonio sono comprese tra 25-30 g / km mentre utilizza tra 1,1 e 1,3 litri di carburante per percorrere 100 km secondo il ciclo di prova ufficiale WLTP.

SEAT Leon e-HYBRID Sportstourer
SEAT Leon e-HYBRID Sportstourer

La trasmissione automatica

Di nuovo in macchina, l’ibrido plug-in utilizza la tecnologia di trasmissione automatica DSG per massimizzare l’efficienza. Il sistema a sei marce della SEAT Leon ora beneficia della tecnologia shift-by-wire progettata in modo che la leva selettrice non sia collegata meccanicamente al cambio, ma utilizzando segnali elettronici.

Shift-by-wire prevede la possibilità di selezionare le marce senza l’utilizzo di un cambio fisico, utile per i nuovi sistemi automatici di assistenza al parcheggio, dove il blocco al parcheggio meccanico è stato sostituito da un blocco al parcheggio a controllo elettronico.

Il sistema e-HYBRID richiede più spazio di un motore a combustione tradizionale. Sotto il cofano si trovano il motore e la PCU, mentre nella parte posteriore si trovano la batteria agli ioni di litio e il serbatoio del carburante. La SEAT Leon e-HYBRID pesa 1.614 kg nella versione a 5 porte e 1.658 kg nella Sportstourer.

La tecnologia adattiva del telaio legge costantemente le condizioni della strada, considerando anche l’input di sterzata, la frenata e l’accelerazione, per adattare le sospensioni, ottimizzando lo smorzamento su ciascuna ruota per offrire comfort e dinamica come nessun altro.

SEAT Leon e-HYBRID si avvia sempre in modalità completamente elettrica (quando la batteria è sufficientemente carica). L’unità passa alla modalità ibrida se la capacità energetica della batteria scende al di sotto di un certo livello o se la velocità supera i 140 km/h. In modalità Hybrid, il guidatore ha la possibilità di mantenere lo stato di carica, aumentandolo o riducendolo a un livello ben definito.

Il design esterno

La base dell’estetica complessiva del veicolo è la piattaforma MQB Evo, che ha fornito le dimensioni, la flessibilità e l’adattabilità richieste dal team di progettazione, mentre le dimensioni maggiorate della SEAT Leon, sia per la cinque porte che per la Sportstourer, conferiscono un migliore senso delle proporzioni.

La versione 5 porte e-HYBRID è lunga 4.368 mm, larga 1.799 mm e alta 1.460 mm, mentre la versione Sportstourer e-HYBRID è lunga 4.642 mm, larga 1.799 mm e alta 1.456 mm. Il passo sia della 5 porte che della Sportstourer è di 2.682 mm.

Dato che il pacco batteria si trova sotto il pianale del bagagliaio, la capacità del bagagliaio nella variante e-HYBRID a 5 porte è di 270 l, mentre la versione e-HYBRID Sportstourer raggiunge i 470 l.

Il coefficiente di resistenza aerodinamica della SEAT Leon è migliorato di circa l’8% rispetto alla generazione precedente.

Nella parte anteriore della Leon, il design conferisce maggiore personalità, con un più forte collegamento tridimensionale tra la griglia e l’illuminazione anteriore. I fari a LED sono arretrati, fornendo un effetto sopracciglia.

Gli specchietti laterali del veicolo includono indicatori LED integrati e sui veicoli con l’opzione full LED includono luci di benvenuto che salutano il conducente e i passeggeri proiettando la parola “Hola!” a terra mentre attivi il veicolo.

Nella parte posteriore è presente una luce LED coast-to-coast e da un bagagliaio progettato per mantenere la personalità del veicolo.

Infine, le nuove ruote aerodinamiche da 18 “sono state progettate specificamente per la SEAT Leon e-HYBRID (disponibile anche con il resto della gamma di motori).

Gli interni

Il cruscotto dalla superficie liscia, sottile ma ampio dà l’impressione di leggerezza e un certo grado di “galleggiabilità”. L’effetto è creato con l’aiuto delle modanature decorative che circondano il cruscotto e proseguono attraverso le porte anteriori.

Protagonisti principali degli interni sono lo schermo di infotainment centrale da 10″ e il cockpit digitale da 10,25″, che nella versione e-HYBRID della Leon è di serie. Lo schermo di infotainment include il riconoscimento dei gesti, offrendo un’interazione precisa con gli occupanti e riducendo il numero di pulsanti fisici necessari. Il tema grafico “diagonale” dello schermo trae ispirazione da quell’importante viale di Barcellona, ​​la Diagonal.

Seat Leon eHybrid: i sistemi di sicurezza

SEAT Leon riunisce una gamma di nuovi sistemi ADAS tra cui Predictive Adaptive Cruise Control (ACC), Emergency Assist, Travel Assist e Side and Exit assist, che insieme possono proteggere il veicolo e i suoi occupanti durante la guida o da fermo.

Predictive Adaptive Cruise Control (Predictive ACC) può posizionare il Leon in base al percorso e ai dati GPS forniti dal sistema di navigazione, consentendogli anche di correggere la sua velocità in base al tracciato della strada davanti: curve, rotatorie, incroci, limiti di velocità. Utilizzando l’input dalla telecamera anteriore e il riconoscimento dei segnali stradali, può regolare la velocità del veicolo quando i limiti cambiano.

La funzionalità di guida automatica continua con l’introduzione del Travel Assist. Il sistema utilizza le informazioni dell’ACC e del Lane Assist per mantenere attivamente il veicolo al centro della corsia e regolare la velocità in base al flusso del traffico, fornendo una guida assistita a velocità fino a 210 km/h.

Per mantenere la sicurezza e soddisfare i requisiti legali, il conducente deve mantenere un monitoraggio costante del sistema e dell’ambiente circostante, tenendo almeno una mano sul volante. Se i sensori del veicolo non la percepiscono, si ricevono avvisi acustici e visivi e si può attivare una scossa di frenata. Se il conducente continua a non rispondere, il sistema di assistenza di emergenza può arrestare completamente la vettura.

Un’altra nuova aggiunta alla nuovissima suite di sicurezza Leon è l’allarme di uscita. Quando il veicolo è fermo e si apre una porta, viene emesso un avviso acustico e visivo se c’è traffico in arrivo: possono essere altri veicoli se sul ciglio della strada, o ciclisti o pedoni se sul lato del marciapiede.

Per altri dettagli visita il sito web di Seat. Se sei interessato ad altri veicoli ibridi Plug-In, leggi anche il nostro precedente articolo sulla Audi Q8.

Seat Leon eHybrid: le specifiche tecniche

Engine1.4 TSI
Cylinder/Valves4-cyl – 16v
Displacement1,395cc
Bore and stroke74.5 x 80.0
Compression ratio10:1
Electric motor power85kW/115PS
Battery capacity13kWh
Recharge times3hrs42-> 3.6kW/h & 5hrs48 -> 2.3kW/h
Max. Overall Power150kW/204PS
Max. Overall Torque350Nm
Maximum speed220km/h
Electric-only rangeWLTP: 58-64km
COEmissionsWLTP: 25-30g/km
Fuel consumptionWLTP: 1.1 – 1.3 litres/100km
Tags

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close