Macchine&Motori

Il primo SUV completamente elettrico di Volkswagen: ID.4

La nuova ID.4 di Volkswagen è una vettura versatile e facile da guidare. La casa tedesca ha investito molto know-how nel telaio dell’E-SUV, nei componenti meccanici e nel sistema di controllo elettronico.

“Il SUV ID.4 a trazione esclusivamente elettrica è molto divertente da guidare, simile al compatto ID.3.

Nel suo telaio, abbiamo implementato numerose idee e nuovi sistemi di controllo che aumentano ulteriormente la sicurezza e il piacere di guida”,

spiega Karsten Schebsdat, responsabile delle dinamiche di guida, dei sistemi di sterzo e di controllo della Volkswagen.

Maneggevolezza sportiva grazie al baricentro basso

La batteria ad alto voltaggio si trova tra gli assi nel punto più basso dell’auto. Ciò avvantaggia il centro di gravità e la distribuzione del peso: con tutte le varianti di trasmissione, si discosta dal valore ideale non più dell’uno percento, 50:50.

L’assale anteriore dell’ID.4 segue il design McPherson, lo sterzo è tradotto con un rapporto di 15,9: 1. Per la prima volta in Volkswagen, lo sterzo si trova davanti al centro della ruota, questa posizione garantisce un’elevata stabilità durante le curve veloci.

Al posteriore c’è un nuovo sviluppo: una sospensione compatta a cinque bracci con un telaio ausiliario collegato elasticamente alla carrozzeria. Le parti della sospensione sono realizzate in alluminio leggero per ridurre il peso.

La gamma di ruote per l’ID.4 inizia con il formato da 18 pollici, in acciaio o in alluminio. A partire dal modello ID.4 Life, i cerchi da 19 pollici sono di serie; oltre a questo, ci sono solo cerchi in lega leggera con diametro da 20 o 21 pollici. Sebbene le grandi ruote nei passaruota occupino una quantità di spazio corrispondente, l’ID.4 richiede solo un raggio di sterzata di 10,2 metri, estremamente piccolo per un’auto della sua classe.

Le ruote sono ottimizzate aerodinamicamente dal loro design piatto, gli pneumatici hanno una bassa resistenza al rotolamento. Nei modelli ID.4 Pure e ID.4 City entry-level, sono larghi 235 millimetri nella parte anteriore e posteriore, con sezioni trasversali che variano in base alle dimensioni delle ruote. Tutti gli altri modelli ID.4 escono dalla linea di produzione su pneumatici combinati: 235 millimetri di larghezza all’anteriore e 255 millimetri al posteriore.

Volkswagen ID.4

Volkswagen ID.4: reni e sterzo progressivo

I dischi dei freni sull’asse anteriore dei modelli ID.4 con batteria da 77 kWh hanno un diametro di 358 millimetri. I freni a tamburo agiscono sulle ruote posteriori. I loro cuscinetti sono progettati per durare la vita dell’auto. La maggior parte della decelerazione viene eseguita dal motore elettrico, che recupera energia nel processo.

Con il pacchetto sportivo “Plus” (nel modello di punta ID.4 Max), il telaio dell’ID.4 assume una forma completamente nuova. Uno dei suoi due componenti è lo sterzo progressivo, che funziona sempre più direttamente all’aumentare dell’angolo di sterzata – il suo rapporto varia da 15,9: 1 a 14,5:1.

L’altro componente è il controllo adattivo del telaio DCC, che funziona a seconda della superficie stradale e della situazione di guida. Regola le caratteristiche dell’ammortizzatore su ciascuna ruota 200 volte al secondo.

Il DCC e lo sterzo progressivo sono abbinati alla selezione del profilo di guida, che offre al guidatore la possibilità di scegliere tra quattro modalità. Eco, Comfort e Sport sono preconfigurati. Nella modalità Individuale, il guidatore ha ulteriori opzioni di impostazione sul display centrale. Può selezionare livelli intermedi fini tra Comfort e Sport o rendere entrambe le modalità ancora più estreme.

Volkswagen ID.4: il Vehicle Dynamics Manager

L’ID.4 affronta le curve in modo stabile anche grazie al Vehicle Dynamics Manager elettronico, che lavora a stretto contatto con l’ESC di controllo della stabilità. Il Driving Dynamics Manager controlla gli interventi di frenata selettiva delle ruote del blocco elettronico della trasmissione trasversale XDS e del lavoro del controllo serranda DCC. Utilizza un modello target digitale per ottenere un comportamento di guida e sterzo ottimale in ogni situazione.

L’ESC, a sua volta, collabora con le centraline del motore elettrico e dell’elettronica di potenza. Sebbene un’auto a trazione posteriore tenda in linea di principio a sovrasterzare, questo collegamento in rete assicura che le ruote posteriori dell’ID.4 trovino un’aderenza stabile in ogni situazione: durante la piena accelerazione, in curva veloce e in decelerazione tramite recupero del freno. Questo controllo di trazione è basato sulla velocità e avviene automaticamente ogni millisecondo.

L’ID.4, il primo SUV completamente elettrico della Volkswagen sarà lanciato, dopo la prima edizione, con otto modelli preconfigurati. La batteria ad alto voltaggio è disponibile con capacità energetica di 52 o 77 kWh (netta), l’autonomia è fino a 520 chilometri (WLTP). Il motore elettrico è disponibile in tre livelli di potenza tra 109 kW (148 CV) e 150 kW (204 CV). Il consumo di energia è di 16,9 – 16,2 kWh / 100 km (combinato; NEDC), la classe di efficienza A +.

Per maggiori informazioni visita il sito web di Volkswagen. Se ti interessano le auto elettriche, leggi anche il nostro precedente articolo sulla Fiat 500 elettrica con die porte…e mezza.

Tags

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close
Close