Macchine&Motori

Golf R: la più potente di sempre della storica linea Volkswagen

Volkswagen ha celebrato nei giorni scorsi l’anteprima mondiale della nuova Golf R. In Europa, le prevendite sono già iniziate. La Golf R è il modello più potente di questa linea Volkswagen.

Non aspettatevi grosse novità per quanto riguarda design. La linea è quella storica della Golf ed è sostanzialmente identica alla GT, anche negli interni. La vera differenza sta sotto il cofano, in un motore superpotente, e nella trazione integrale.

La nuova R è disponibile con motore a benzina (TSI), motore diesel (TDI), motore a gas naturale (TGI), come un ibrido leggero da 48 V (eTSI) e con trazione ibrida plug-in (eHybrid).

Messa a punto sul Nürburgring Nordschleife

La vettura accelera fino a 100 km/h in soli 4,7 secondi. La velocità massima è limitata elettronicamente a 250 km/h. Tuttavia, può anche essere ordinata con un pacchetto R-Performance opzionale, che consente di aumentare la velocità massima a ben 270 km/h. La coppia è di 420 Nm.

Il sistema 4MOTION con R-Performance Torque Vectoring è il nuovo centro di controllo che distribuisce la potenza del motore alle quattro ruote motrici. Una nuova trasmissione finale posteriore distribuisce la potenza motrice del motore a benzina turbo della Golf R non solo tra gli assi anteriore e posteriore, ma anche in modo variabile tra le due ruote posteriori. Ciò consente di aumentare notevolmente l’agilità in particolare in curva. La trazione integrale è anche collegata in rete, tramite un Vehicle Dynamics Manager (VDM), con altri sistemi di trasmissione come i bloccaggi elettronici dei differenziali (XDS) e il controllo adattivo del telaio DCC. Il setup della nuova Golf R è stato messo a punto sul Nürburgring Nordschleife.

In combinazione con il pacchetto R-Performance, la Golf R è dotata anche di un profilo di guida Nürburgring dedicato, noto come “Special”. Come parte di questo profilo di guida, tutti i parametri di guida chiave sono orientati verso il noto circuito, inclusa la trazione integrale.

Come evidenziato dai testi drive interni, la Golf R – che è dotata di un cambio a doppia frizione a 7 marce (DSG) di serie. È fino a 19 secondi più veloce per giro sul Nürburgring Nordschleife rispetto alla versione precedente (07:51 minuti).

Golf R: dal 2002 al 2020

La prima Golf R32 è stata introdotta nel 2002. Con il suo motore a sei cilindri da 3,2 litri, che generava 241 CV, era la Golf più potente che la Volkswagen avesse costruito fino a quel momento. Era inoltre dotata di trazione integrale e raggiungeva i 100 km/h in soli 6,6 secondi. Dalla metà del 2003, è stata la prima Volkswagen al mondo disponibile con cambio a doppia frizione (DSG). Nel 2005, la seconda Golf R32 ha fatto il suo debutto e con 250 CV era ancora più potente. Sono passati quattro anni, e al Salone Internazionale dell’Automobile di Francoforte 2009 la Volkswagen ha celebrato l’anteprima mondiale del modello successivo, basato sulla sesta generazione di Golf, passando da un motore aspirato V6 a un quattro cilindri da 2.0 litri motore turbo (TSI) più efficiente del 21%.

La R32 è diventata la R e con essa la potenza della terza generazione è aumentata a 270 CV. Nel settembre 2013 è seguita la quarta generazione di Golf R sulla base della Golf 7, che ha fatto nuovamente il suo debutto al Salone Internazionale dell’Automobile. Ora, con 221 kW, ha superato la soglia magica di 300 PS.

Tags

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close
Close